Che Durata hanno gli Pneumatici Invernali?

L’inverno si avvicina ed è tempo, in tutta Italia, di sostituire le gomme estive con quelle invernali. Tante domande e dubbi affliggono allora l’automobilista distratto e impreparato.

Il meno informato potrà ad esempio chiedersi: è obbligatorio cambiare gli pneumatici? La risposta è ovviamente sì e il nostro precedente articolo aiuterà a risolvere ogni perplessità a riguardo – Quando scatta l’obbligo gomme invernali?

C’è chi invece di obblighi e normative sa già tutto ed è pronto a rispolverare dal magazzino le gomme di un inverno fa. Il dubbio è ora un altro: quanto durano gli pneumatici da neve? Dopo quanti inverni occorrerebbe cambiarli?

Diciamo subito che è impossibile determinare una scadenza precisa di uno pneumatico, invernale, estivo o multi stagione che sia.

I fattori che influenzano l’usura e le prestazioni di una gomma sono tanti, molte volte incalcolabili. Stress, sollecitazioni, stile di guida e molto altro… Più che conoscere la durata di uno pneumatico invernale, è importante controllarne l’efficienza e le condizioni dopo ogni utilizzo.

Cosa fa invecchiare gli pneumatici invernali

I produttori assicurano un’aspettativa di vita fino ai 10 anni. La realtà, e soprattutto l’esperienza, ci insegnano tuttavia che è difficile aspettarsi da uno pneumatico invernale più di 7 anni di servizio. Questo perché processi fisici e chimici concorrono a deteriorare le gomme anche durante il cosiddetto periodo di stoccaggio (quando cioè gli pneumatici invernali sono a risposo in garage in attesa della fredda stagione).

Le condizioni climatiche giocano poi un ruolo nevralgico, così come le condizioni di utilizzo (pressione e manutenzione dello pneumatico su tutte). Queste le variabili che incidono sulla durata di una gomma invernale:

  • sbalzi di temperatura e avversità climatiche;
  • chilometraggio giornaliero e stile di guida;
  • peso e tipologia del veicolo;
  • qualità della manutenzione e della pressione gomme;
  • modalità di conservazione durante il periodo estivo (umidità, luminosità, esposizione a solventi, possono influire non poco sull’integrità della gomma durante lo stoccaggio);

Come aumentare la durata degli pneumatici invernali

Stabilire l’aspettativa di vita di uno pneumatico è difficile. Meglio allora adoperarsi per prolungarne la durata. Ecco alcuni utili consigli che ogni automobilista, più o meno esperto, dovrebbe seguire per godere delle proprie gomme da neve per più e più inverni:

  • controllare periodicamente la struttura delle gomme (fori o deformazioni sono inconfutabili segni di invecchiamento prematuro);
  • conservare gli pneumatici in buono stato, lontano dall’umidità e dalla luce diretta;
  • controllare regolarmente la pressione delle gomme invernali;
  • misurare lo spessore del battistrada.

Proprio questo punto ci proietta ad un’importante conclusione. Lo spessore del battistrada è il principale indizio di usura e invecchiamento di uno pneumatico, e non solo invernale.

Sia il buon senso che il codice della strada impongono di pensionare e sostituire le gomme quando il battistrada è inferiore a 1,6 mm. Anzi, in caso di neve abbondante sull’asfalto le gomme termiche perdono addirittura di efficacia sotto i 4 mm di spessore. La situazione va quindi valutata in base al contesto e le condizioni climatiche.

Tagli, deformazioni, usura asimmetrica, non conformità alle raccomandazioni del costruttore sono poi altri fattori che ci aiutano a capire quando è ora di sostituire le nostre gomme invernali.

Se è impossibile stabilire che durata hanno gli pneumatici invernali, è più realistico capire come e quando cambiarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *