Inversione Gomme per un Consumo più Uniforme

Sapevi che l’usura delle gomme anteriori è diversa da quella delle gomme posteriori?

Se ti trovi su questo articolo, probabilmente sì. Per questo sei alla ricerca di una soluzione pratica e funzionale in grado di garantirti un consumo più uniforme dei tuoi pneumatici. Una prima risposta ce la dà l’inversione gomme, un’operazione, tanto comune quanto discussa, capace di assicurare maggiore durabilità e un migliore consumo ai nostri pneumatici.

Come detto l’inversione gomme è una pratica che non trova tutti d’accordo. Dubbio chiama altro dubbio. Vediamo allora di capire se invertire le gomme della propria auto serve realmente o è puro fanta-automobilismo.

Invertire o non invertire?

Come piccoli Amleti attenti all’usura dei nostri pneumatici continuiamo a porci il dilemma dell’inversione gomme auto senza trovare una risposta capace di mettere tutti d’accordo.

Trattasi di scuole di pensiero, come spesso accade nel mondo dell’automobilismo e della manutenzione. Quello che ci sentiamo di suggerire è che sì, occorre invertire la posizione delle gomme anteriori con quelle posteriori almeno una o volta l’anno, purché il veicolo e le sue caratteristiche lo richiedono.

Invertire gli pneumatici anteriori con quelli posteriori porta vantaggi di vario genere. Innanzitutto si rimanda il cambio gomme con buona pace del nostro portafoglio. Dopodiché si garantisce un corretto funzionamento del nostro veicolo. L’inversione gomme, infatti, assicura il consumo uniforme delle stesse e quindi un contatto al suolo delle ruote più che bilanciato.

Per dirla più tecnicamente, si va ad annullare la differenza di usura tra gomme anteriori e posteriori.

Invertire gomme anteriori posteriori

Usura gomme anteriori e posteriori: la differenza

Le ruote anteriori sono quelle direzionali, per questo l’usura di tali gomme avviene specialmente sulle fasce laterali, ossia sulle spalle esterne e interne. Le ruote posteriori sono invece motrici e sono per questo stressate maggiormente sulla parte centrale. Ricapitolando:

  • L’usura delle gomme anteriori avviene sulla spalla, vale a dire sulle fasce laterali.
  • L’usura delle gomme posteriori si manifesta nella zona centrale.
  • Invertendo le gomme davanti con quelle di dietro si uniforma il grado di usura generale tra parte centrale e spalle laterali. Un’equazione semplice quanto vincente, che ci aiuta a risparmiare sul cambio ruote.

Sorgono allora le fatidiche domandine. Come e quando invertire?

Come effettuare l’inversione gomme auto?

Come in ogni quesito che riguarda la manutenzione auto non esiste risposta universale. È consigliato effettuare tale operazione tra i 6.000 e i 10.000 km, suppergiù una volta l’anno, ma tutto dipende da molte variabili, quali la tipologia del pneumatico (simmetrico o asimmetrico) e del veicolo, nonché lo stile di guida e la trazione (anteriore, posteriore o integrale).

La trazione e la tipologia degli pneumatici determinano anche il tipo di inversione. Molto meglio delle parole, gli schemi in figura ci aiutano a capire le diverse combinazioni tra gomme anteriori e gomme posteriori.

come invertire gomme auto

Come detto precedentemente, l’inversione tra gomme posteriori e anteriori di un automobile non è scienza esatta e neanche la medicina in grado di risolvere tutti i problemi relativi al consumo e all’usura degli pneumatici. Molte vetture ad alte prestazioni, ad esempio, sono dotate di ruote dalle misure differenti ed è in questo caso più che sconsigliato operare con l’inversione gomme.

Per l’inversione e il controllo gratuito dei tuoi pneumatici non esitare a visitare VS Gomme a Fagagna (UD).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *